A PROPOSITO DI OSTEOPOROSI...

Leggi gli articoli della prof.ssa M.A. Rabbi e degli studenti R. Ostini e D. Migliorini

 

Gli studenti del Bazoli-Polo e l’osteoporosi

Un anno fa, l’Istituto Bazoli-Polo di Desenzano ha aderito al progetto “La prevenzione: i giovani comunicano”, promosso dalla locale Azienda ospedaliera. Nell’ambito di tale iniziativa, le classi IVA IGEA e IVC Grafico hanno lavorato per alcuni mesi intorno al tema: “La prevenzione dell’osteoporosi in età adolescenziale”.
Entrambe hanno iniziato informandosi e documentandosi. Attraverso la consultazione di numerosi siti Internet, istituzionali e scientifici, hanno compreso che l’osteoporosi, erroneamente ritenuto problema di salute che emerge solo in età avanzata, può manifestarsi molto precocemente. Per contenerlo è fondamentale la prevenzione che passa attraverso l’adozione di corretti stili di vita e sane abitudini alimentari.
Successivamente, le due classi hanno operato con distinte modalità: gli studenti del Grafico, guidati dal prof. Leandro Nadalini, hanno prodotto elaborati finalizzati a diffondere, attraverso immagini e parole, la cultura della prevenzione; quelli dell’IGEA, coordinati dalla sottoscritta, hanno condotto una indagine tra gli studenti dell’Istituto, tesa a far emergere i comportamenti “rischiosi”.
I lavori ultimati dalle due classi sono stati presentati in un affollato incontro che si è tenuto il 26 ottobre nell’Auditorium dell’Istituto. Se la “pubblicità progresso” realizzata dai Grafici ha colpito subito nel segno, proiettando messaggi “forti”, grande impressione hanno destato i risultati raggiunti dall‘indagine statistica condotta dai Ragionieri, che hanno denunciato tendenze alquanto preoccupanti. Alle conclusioni, i giovani “ricercatori” sono giunti attraverso un percorso avviato nella primavera scorsa, quando, a tutti gli studenti frequentanti l’Istituto, hanno somministrato un questionario contenente domande relative ad abitudini alimentari, bevande alcoliche, fumo, stili di vita e sedentarietà. Dalle risposte date dai 919 studenti del Bazoli-Polo (548 femmine e 353 maschi - 18 studenti hanno omesso di dichiarare il genere), è emerso che MOLTI si alimentano in modo sbagliato, fumano, bevono tanto e passano troppo tempo seduti. Si tratta di un insieme di abitudini che potrebbero, con gli anni, far insorgere il problema “osteoporosi”. Solo una adeguata informazione e una maggiore consapevolezza potranno correggere le abitudini più sbagliate e se non proprio sconfiggerlo, perlomeno tenerlo sotto controllo.
Ed è questo il messaggio che intendono lanciare attraverso i loro lavori tutti gli studenti che hanno partecipato al progetto.


Maria Angela Rabbi

Qualche dato stralciato delle relazioni presentate nell’ incontro del 26 ottobre
* Abitudini alimentari Solo 524 studenti pari al 57 % degli intervistati (il 53% delle ragazze contro il 64% dei ragazzi) fanno regolarmente la prima colazione al mattino. Molti giovani mangiano in modo disordinato, preferendo frequenti spuntini ai pasti regolari.
* Fumo 269 studenti (il 30% degli intervistati) dichiarano di fumare. Sono perlopiù minorenni. 99 ragazzi hanno risposto di fumare meno di 5 sigarette al giorno, 97 da 5 a 9, 57 da 10 a 14, 18 da 15 a 19, 9 da 20 a 24 e infine 6 da 25 in su.
* Bevande alcoliche 267 persone (il 29 % delle intervistate) dichiarano di non bere, 42 (il 5 %) di farlo sempre e 598 (il 66%) qualche volta. Impressionante è la quantità di bevande alcoliche che i giovani rivelano di consumare il sabato sera, quando mescolano bottiglie di birra con cocktails e superalcolici. Gradito è anche l’aperitivo: 361 studenti ammettono di prenderlo qualche volta e 78 di farlo abitualmente.
* Sedentarietà 842 studenti guardano tutti i giorni la televisione e 873 utilizzano quotidianamente il computer . 593 (il 65 % degli intervistati) passano una o due ore davanti alla TV, 210 (il 23 %) dalle 3 alle 5 ore e addirittura 39 persone
( il 4 %) più di 5 ore. 536 persone (il 58 % delle persone intervistate) passano una o due ore davanti al computer, 285 (il 31 %) dalle 3 alle 5 ore e addirittura 52 persone (il 7 % circa) più di 5 ore.

***********************************************************************************************

“La prevenzione dell’osteoporosi in età adolescenziale”


Presentati dalla IV A IGEA i risultati dell’indagine fatta nel maggio scorso
Noi studenti della classe 4°a IGEA abbiamo aderito, lo scorso anno scolastico, al progetto “La prevenzione: i giovani comunicano”, promosso dalla Azienda ospedaliera di Desenzano. Nell’ambito di tale iniziativa abbiamo lavorato, per alcuni mesi, intorno al tema: “La prevenzione dell’osteoporosi in età adolescenziale”. Il 26 ottobre scorso, in un affollato convegno in Auditorium abbiamo presentati i risultati del nostro lavoro.
All’inizio, sapendo che questo problema colpisce in modo particolare donne anziane e in menopausa, ci siamo chiesti con grande scetticismo fino a che punto potesse interessarci l’argomento. Attraverso la consultazione di siti medici istituzionali e scientifici, abbiamo scoperto che in realtà l’osteoporosi si può manifestare fin dalla più giovane età e che lo stile di vita e una sana alimentazione possono ridurre notevolmente il rischio di contrarre la malattia.
Preso atto di tutto questo, ci siamo interrogati su abitudini e comportamenti degli studenti del Bazoli-Polo in relazione a questo problema. Per questo abbiamo deciso di somministrare loro un questionario con domande su: abitudini alimentari, fumo, alcool e stili di vita.
Hanno risposto 919 studenti, un corposo campione su cui poter riflettere. Particolarmente impegnativa è stata la rielaborazione dei dati. Tra il maggio e il giugno scorso, abbiamo trascritto l’ingente quantità di crocette su enormi schede riepilogative e iniziato a “fare i conti”. Grazie a tanto lavoro in orario extrascolastico e all’ aiuto della nostra insegnante di Lettere, la professoressa Rabbi, siamo riusciti a completare il lavoro e, a settembre, siamo stati in grado finalmente di “tirare le somme”. I totali e le percentuali ottenuti rappresentano dati nell’insieme poco rassicuranti. Su questi abbiamo soffermato la nostra attenzione e costruito le nostre considerazioni conclusive.
Per quanto riguarda le abitudini alimentari abbiamo scoperto che un significativo numero di studenti non fa colazione, consuma pasti incompleti a pranzo e a cena ma spesso “mangiucchia” “merendine” fuori pasto: ad esempio quando studia, guarda la televisione o siede davanti al PC. Molti giovani non praticano attività fisica con regolarità e conducono una vita molto sedentaria. Passano diverse ore davanti al computer o alla TV, ore che vanno ad aggiungersi a quelle che obbligatoriamente devono trascorrere seduti per le attività scolastiche o di studio. Abbiamo osservato che alcuni studenti passano addirittura 10/15 ore al giorno tra sedie e divano a scapito di una sana attività motoria, la quale sarebbe sicuramente un’arma importante nella battaglia personale contro l’osteoporosi. Come se non bastasse, a tutto questo si aggiunge il fatto che molti intervistati fumano e, spesso, consumano bevande alcoliche. Numeri da capogiro sono infine emersi nelle risposte alla domanda inerente l’assunzione di bevande alcooliche al sabato sera.
Tutto questi comportamenti rendono molti studenti del Bazoli-Polo “potenziali/futuri” malati di osteoporosi. Purtroppo i giovani ignorano il problema o non considerano gli enormi danni che certe abitudini (fumare, bere, alimentarsi in modo scorretto, condurre una vita sedentaria) possono provocare.
Il progetto dell’azienda ospedaliera ha voluto riportare al centro dell’attenzione proprio la necessità della prevenzione. A conclusione del nostro lavoro, possiamo ritenerci molto soddisfatti. E’ stato lungo e stancante, è durato qualche mese, ma gli applausi scroscianti al termine del meeting ci hanno sicuramente ripagati di tutte le nostre fatiche. Soprattutto ci gratifica pensare che abbiamo contribuito, nel nostro piccolo, a diffondere la cultura della prevenzione.
Ai lettori del giornalino del nostro Istituto vogliamo lanciare un messaggio: non sottovalutate questa malattia; un piccolo gesto oggi potrà portarvi un grande beneficio in futuro.


RICCARDO OSTINI - DESIRÈE MIGLIORINI----

Copyright 2018 Don Angelo - Privacy Policy