Attività in favore degli studenti a.s. 2012-2013

Leggi l'articolo...

 

ATTIVITA' COMPLEMENTARI PER LO SVILUPPO E LA PROMOZIONE DEL BENESSERE SCOLASTICO DEGLI STUDENTI
                                                      Anno scolastico 2012-2013
                                                                         ****


All’interno del sistema scolastico è essenziale definire gli obiettivi non solo in un'ottica di istruzione ma anche di formazione e accrescimento del valore personale di ogni singolo individuo. A questo riguardo si è sentita l’esigenza di introdurre attività complementari a quelle puramente istruttive per arricchire la formazione culturale, umana e civile degli studenti con l'obiettivo di prepararli a vivere responsabilmente.
Tra le molte attività, il ricco calendario ha previsto l'intervento di padre Tonino all'inizio dell'anno scolastico,che ha portato agli allievi la sua esperienza in Madagascar, in particolare nel villaggio di Jangany. L'obiettivo è stato quello di sensibilizzare gli studenti ai problemi del Terzo Mondo e di finanziare i vari progetti intrapresi in questo villaggio ( scuola elementare e media aperta a tutti, scuola agraria, pozzi per l'acqua potabile, costruzioni di case in muratura, piccolo centro sanitario, distribuzione pasti ai più bisognosi, ecc...). Attraverso il ricavato di alcune iniziative come le lotterie e i contributi volontari, gli studenti si sono impegnati nel sostegno della scuola “Sainte Marie” di Jangany. In particolare, durante il periodo natalizio, le classi prime ad indirizzo socio-sanitario hanno organizzato un mercatino il cui ricavato è stato devoluto completamente per la formazione di bambini malgasci particolarmente bisognosi. Grazie all'intervento di padre Tonino gli studenti hanno preso coscienza del potere che l'istruzione può avere rispetto al cambiamento e al miglioramento delle condizioni di vita.
All’inizio di quest’anno, per incentivare lo sviluppo della formazione morale e sensibilizzare al volontariato, l’A.M.M.I. ha promosso un progetto in cui si invitavano gli studenti del triennio ad un concorso letterario con borsa di studio. Gli studenti potevano partecipare elaborando in forma individuale un tema attinente al titolo “I giovani e il volontariato”.
La classe 5B geometra ha dato un grande segno di sensibilità, partecipando alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare. Gli studenti si sono adoperati a fianco dei volontari in questa iniziativa, dimostrando un grande impegno e un forte senso di responsabilità sociale.
Sempre all’inizio dell’anno, le classi quinte hanno incontrato i volontari dell’ AVIS di Desenzano del Garda. L’intento di questa iniziativa ha mirato a informare i giovani sull’associazione e a sensibilizzare gli studenti sottolineando come la donazione di sangue sia un gesto di solidarietà e di altruismo che può salvare delle vite.
L’esperienza formativa di quest’anno ha previsto una serie di interventi volti al benessere dell’individuo e al miglioramento della salute globale della persona. In un’ottica di prevenzione primaria si sono affrontati una serie di temi particolarmente rilevanti.
Nelle classi prime il Prof. Piazza ha affrontato con gli studenti il tema molto dibattuto del “bullismo nell’adolescenza”. Il bullismo è una forma di comportamento aggressiva, intenzionale e continuata nei confronti di una vittima. Coinvolge da vicino i giovani di oggi ed è in grado di produrre conseguenze anche gravi. L’intervento ha permesso di analizzare questo fenomeno con l’intento di prevenirlo e contrastarlo.
In alcune classi del corso geometra e nel corso socio sanitario il signor Carlo Polcini e il prof. Peretti hanno spiegato e sensibilizzato gli allievi nel ricercare “soluzioni architettoniche” idonee per semplificare la vita delle persone disabili.
Nelle classi seconde il prof. Sensi ha affrontato il tema di grande attualità: “Come utilizzare Internet”. Sappiamo molto bene le grandi possibilità offerte dal Web e contemporaneamente i grandi rischi, sopratutto per le nuove generazioni.
Con l’intervento “Star bene con sé e con gli altri”, la psicologa, dott.ssa Ruocco ha incontrato gli studenti del primo anno in un’ottica di diffusione della cultura dell’accettazione. Attraverso l’intervento in ogni classe, si è cercato di garantire un ascolto empatico con l’obiettivo di affrontare insieme eventuali problematiche emerse all’interno del gruppo classe.
Un intervento che ha previsto l’unione delle classi prime, seconde, terze e alcune quinte ha riguardato un tema civico e pubblico molto importante che è quello della “sicurezza stradale.” Grazie all’intervento della Polizia Stradale si sono approfonditi alcuni aspetti del Codice della strada. Particolare attenzione è stata data alla pericolosità della guida in stato di ebbrezza e alle vittime della strada attraverso l’incontro con la prof.ssa Annovazzi e la testimonianza del signor Stefano Pelliccioli , cercando di sensibilizzare gli studenti nei confronti di questa piaga sociale.
L’esigenza di assicurare una formazione emotiva e affettiva ha permesso di portare avanti nelle classi seconde l’intervento “Affettività e pubertà”. Con il supporto della dott.ssa Ruocco gli studenti hanno interagito riguardo temi legati alle scelte in campo affettivo e sessuale mirando ad una maggiore consapevolezza dei vari cambiamenti che avvengono nell’adolescenza.
Nelle classi terze si sono analizzate due aree di particolare rilevanza. Da una parte l’intervento “Educazione Alimentare” ha permesso la promozione di uno stile di vita salutare attraverso una serie di strategie volte al miglioramento della qualità di vita. La psicologa, dott.ssa Ruocco, con il supporto di materiale creato appositamente dall’AIDAP (Associazione Italiana Disturbi dell’Alimentazione e del Peso) per la prevenzione nelle scuole, ha fornito agli studenti principi fondamentali per una sana alimentazione e uno stile di vita attivo.
Dall’altra parte l’intervento “Droghe e legislazione attuale” ha portato gli studenti delle classi terze a confrontarsi con il comandate dei Carabinieri di Desenzano del Garda. Una buona prevenzione non può avere solo uno stampo conoscitivo ma è importante mirare alla sensibilità dei giovani attraverso un intervento che stimoli l’interazione e l’interiorizzazione di concetti fondamentali. Gli studenti hanno partecipato attivamente all’incontro e si è generato un forte interesse per un tema così delicato.
Il percorso formativo nelle classi quarte ha previsto l’incontro degli studenti con l’associazione “Essere Bambino”. Nell’ambito del progetto “Hai informazioni valide?” per l’informazione e promozione della cultura della prevenzione in relazione alla realtà HIV-AIDS si sono affrontati i comportamenti a rischio e i pericoli dell’HIV.
Come ogni anno l’Istituto ha aderito, tramite la prof.ssa Scarano, al progetto nazionale “A scuola di cuore” per la lotta contro la morte improvvisa nei giovani. La campagna di prevenzione ha previsto, per i ragazzi di quarta, uno screening cardiovascolare volontario attraverso l’esecuzione di un elettrocardiogramma. L’obiettivo è quello di prevenire identificando eventuali soggetti a rischio e approfondendo ulteriormente diagnosi di disturbi cardiovascolari.
Nell’ambito della legalità, tutte le classi quarte hanno partecipato ad un incontro con la Guardia di Finanza sul tema della sicurezza e della “convenienza alla legalità economico/finanziaria” (contrasto degli illeciti, delle falsificazioni e della contraffazione, della violazione dei diritti d’autore e dell’uso di sostanze stupefacenti).
Su questa linea si muove anche l’incontro “Economicamente progetta il tuo futuro” tenuto per gli studenti del quinto anno. L’incontro, con dei consulenti finanziari, ha dato modo di apprendere l’importanza di una corretta e onesta progettazione finanziaria e di individuare gli strumenti migliori sul mercato.
Le classi quarte e quinte hanno affrontato il tema delicato e grave della “Dipendenza” con il signor Massimo Barra, presidente della Croce Rossa Italiana e tra i primi medici a prendersi cura delle persone affette da tossicodipendenza.
Per gli allievi dell’ultimo anno sono stati previsti degli interventi mirati alla prevenzione di azioni e condotte a rischio. In particolare l’Università degli Studi di Brescia, facoltà di Medicina e Chirurgia, in collaborazione con l’ASL di Brescia, ha presentato un’indagine epidemiologica riguardante le malattie a trasmissione sessuale, per sensibilizzare i giovani maggiorenni ad adottare condotte non rischiose e per utilizzare un approccio salutare nei confronti della sessualità.
Un’altra iniziativa molto importante ha visto le classi quinte, mediante uno screening, coinvolte dai nefrologi dell'Azienda Ospedaliera di Desenzano per la Giornata Mondiale del Rene con l’obiettivo di prendere consapevolezza della patologia e di come prevenirla.
Sempre in collaborazione con l'Azienda Ospedaliera di Desenzano, i professori Rabbi e Nadalini con le classi 4A igea e 4 c grafico hanno concluso il progetto. “ I giovani e la prevenzione dell'osteoporosi”.

Il sistema scolastico di questo Istituto, ha dato la possibilità a tutti gli studenti di avere un supporto continuativo e presente dal punto di vista psicologico. Grazie alla psicologa, dott.ssa Poletti, il Servizio di Ascolto ha garantito a tanti studenti un ascolto reale e la libertà di poter esprimere eventuali disagi o problematiche a livello individuale. La presenza di docenti sensibili a tematiche di disagio giovanile ha creato un ambiente attento e puntuale verso le diverse problematiche. Don Angelo, sempre impegnato per il benessere dei giovani, interviene da anni nei confronti di allievi in difficoltà, sostenendoli e incoraggiandoli a superare gli ostacoli che l’adolescenza comporta.

Don Angelo

Copyright 2018 Don Angelo - Privacy Policy